Blog

comunicazione, natale, social media marketing

24 consigli per migliorare i tuoi canali social

Ecco un calendario dell’avvento social per aiutarti a migliorare la tua comunicazione on line: 24 consigli da non perdere, in attesa del Natale!

Ogni giorno troverai un post sulla mia pagina Facebook, con consigli pratici su come gestire i tuoi profili ed eventualmente quelli dei tuoi clienti, trovare delle ispirazioni per usare meglio Instagram e le stories, migliorare il tuo profilo professionale su Linkedin, come scrivere una bio efficace, come creare il tuo piano editoriale e tanto altro.

Inoltre, mi piacerebbe anche presentarti dei libri da mettere nella tua wishlist, per imparare a usare meglio i tuoi canali e approfondire il fantastico mondo del social media marketing.

Spesso, navigando e osservando i profili online, mi accorgo che mancano delle parti oppure ci sono sezioni non compilate che potrebbero facilitare la visualizzazione dei nostri account e ottenere maggiore visibilità.

Attraverso dei piccoli accorgimenti mi farebbe piacere aiutarti a migliorare la tua visibilità on line.

Quindi seguimi e fammi sapere se c’è qualche contenuto che vorresti approfondire!

Buon avvento!

comunicazione, natale, social media marketing

Supporter of #40minuti

In un periodo delicato come quello che stanno vivendo gli imprenditori adesso, l’ultima cosa a cui si pensa è la comunicazione della propria attività sui social network.

Occupandomi di comunicazione, invece, posso dirti che è proprio in un periodo come questo che i social media danno la possibilità alle attività locali di cementare le relazioni che hanno con i loro clienti e potenziali clienti.

Ecco perché, insieme ad altre centinaia di professionisti di tutta Italia, capitanati dalla Professionista Veronica Gentili, abbiamo deciso di dedicare gratuitamente 40 minuti del nostro tempo per offrire una consulenza pratica per migliorare la tua comunicazione sui social network.

Anche noi, nel nostro piccolo, vogliamo fare qualcosa di concreto per le imprese italiane.

Qui trovi ben descritto la mission del progetto!

Contattami con un messaggio privato (oppure via mail: ramona_valsecchi@yahoo.it) e regalati un’opportunità!

corsa, running

Come mi vesto per correre?

La corsa è sicuramente uno degli sport più economici, in quanto – se praticato a livello amatoriale – si necessita solo di scarpe adatte al running.

running-shoe-371624_1280

Tutto il resto è un qualcosa in più per permetterci una maggiore comodità.

Per sapere come vestirsi quando si corre, occorre conoscere e abbinare gli indumenti alle tue personali esigenze. Questo significa che se corri una volta a settimana, puoi farlo con un abbigliamento fitness easy; se invece il tuo obiettivo è quello di fare la maratona, allora devi dotarti di indumenti tecnici, adatti alla prestazione.

Valuta quindi i seguenti punti:

  • OBIETTIVI: dove devo correre? quali distanze? su quale terreno? Se devo affrontare un percorso sterrato avrai bisogno di scarpe da trail, mentre se corri su strada è sufficiente una scarpa da running A2 o A3;
  • CONDIZIONI CLIMATICHE: se corri in inverno dovrai dotarti di maglia / giacca e leggins termici; se corri con il caldo, dovrai essere più leggera possibile, quindi braghini e canotta.
  • CONDIZIONI FISICHE: cerca, prova, testa indumenti che ti facciano stare bene, siano comodi e adatti alla tua fisicità.

stretching-muscles-579122_1280

Ti suggerisco quindi di rivolgerti ad un negozio sportivo: ormai, ci sono corner dedicati al running, con le scarpe e l’abbigliamento adatto.

Poi chiedi al commesso specializzato quale tipo di scarpa è più adatta ai tuoi obiettivi: fanno anche dei test gratuiti sull’appoggio, utili per sapere il tipo di appoggio e capire se ci sono delle “anomalie” che puoi correggere con una tipologia di scarpa.

Oltre alla scarpa, anche le calze sono importanti.

marbetdue_RAmona

In questi giorni, ho testato Le Babette di Marbet: hanno la particolarità di avere dei rinforzi antisfregamento in spugna nel tallone e nella punta, mentre nella zona mediale hanno una fascia in canettato antiscorrimento, in grado di dare stabilità e protezione all’arco del piede. Sono senza cuciture, in costina elasticizzata e devo dire che permettono una buona traspirazione e morbidezza, per proteggere il piede dove è più esposto alle sollecitazioni.

Sono disponibili in 3 diverse taglie, in base alla lunghezza del piede:

marbetdue

Le potete trovare nei Marbet Point, oppure online negli e-commerce in partnership con Marbet.

Settimana prossima vi suggerirò altri indumenti e marche con cui mi trovo molto bene!

corsa, eventi, fitnesszone, running

Vivi i Rundays con Decathlon

Torna l’appuntamento Decathlon per gli appassionati della corsa!

Adulti e ragazzi possono iscriversi e partecipare gratuitamente alle attività sportive proposte dai singoli negozi Decathlon di tutta Italia che aderiranno all’iniziativa.
Ogni negozio organizzerà una gara podistica non competitiva su un percorso di 5 km  (alcuni negozi proporranno anche gare per i più piccoli).

rundays_decathlon

Puoi verificare i dettagli organizzativi dell’evento del tuo negozio di riferimento visitando la sua pagina Facebook oppure controlla qui il negozio per scoprire come sarà il tuo RUNDAYS.

Per la zona di Lissone, la corsa si svolgerà domenica 18 marzo, alle ore 10:00 al “Km 0” di Viale Cavriga nello splendido Parco di Monza. Pacco gara omaggio a tutti i partecipanti!

Per info, dettagli e iscrizioni, vi suggerisco la pagina Facebook dell’evento.

corsa, famiglia, mamma, running, sogni

Come si prepara una maratona, se sei una mamma?

Bella domanda.

Si potrebbe scrivere un libro e, sul tema, ce ne sono davvero parecchi. Ma forse non così specifici se sei una mamma, perché fondamentalmente credo che ognuna debba essere in grado di scrivere il “proprio” libro.

marathon_mum

E questo è il primo consiglio che ti lascio: redigere il diario di viaggio che ti accompagnerà in questa preparazione. Un diario in cui scrivere i punti fondamentali in cui andrai a suddividere i lavori (i tuoi allenamenti), i risultati raggiunti, le eventuali gare/competizioni da programmare e soprattutto le sensazioni provate.

Se decidi di correre una maratona, dovresti già essere una runner di passione. Quindi avere qualche chilometro nelle gambe (meglio se ti sei già cimentata sulla mezza distanza dei 21 km), oltre ad avere un buon motivo che ti spinge a cimentarti in questa distanza. Per quanto mi riguarda, l’ho fatto come regalo a me stessa per i miei 40 anni e per una scommessa con mio figlio Riccardo, a cui volevo dimostrare che “se vuoi, puoi”, in un momento in cui lui ne aveva davvero bisogno.

street-marathon-1149220_1280

La motivazione è fondamentale: ci saranno momenti in cui ti chiederai “perché???”, altri in cui ti sentirai stanca, demotivata, e tentata a mollare tutto. Sarà in quei momenti in cui avrai maggiore bisogno del tuo stimolo.

TABELLA ALLENAMENTI

Ti suggerisco di affidarti ad un allenatore, esperto del settore, che possa aiutarti a conoscere le tue potenzialità, ma anche i tuoi limiti. Che sappia farti una programmazione ad hoc, per evitare infortuni e altri eventuali problemi. Se questo non è possibile, allora ti suggerisco di cercare tabelle di allenamento on line, possibilmente già testate, redatte da ex atleti o coach, che possano darti una programmazione settimanale.

E comincia a capire come suddividere i tuoi impegni tra lavoro/casa/famiglia, perché la cosa di cui avrai più bisogno è TEMPO per allenarti. Senza di esso, non è fattibile, perché questa preparazione richiede di fare le cose con calma e con una certa ripetitività. Soprattutto nei week end.

Personalmente, ho sempre suddiviso la settimana in questo modo:

Lunedì: lento rigenerante, 10 o 12 km. Oppure riposo se la domenica precedente hai fatto un lavoro molto impegnativo.

Mercoledì: ripetute o lavori in salita.

Venerdì: lavori in fartlek (servono per aumentare la velocità in soglia aerobica, con accelerazioni intervallate a tratti con corsa lenta, per recuperare). Oppure lavori in progressione di velocità.

Sabato/domenica: corse lunghe, da fare in progressione di km, partendo da 18 fino ad arrivare a 32-35. Queste distanze servono per avvicinarti il più possibile alla distanza regina, così da capire che ce la puoi fare, oltre a prepararti al “cosa ti aspetta” nel percorrere distanza così lunghe.

Nei prossimi post, vedremo altri punti importanti da scrivere sul tuo diario e che sono alla base di una buona preparazione per il tuo corpo, ma soprattutto per la tua testa. Quello che stai per affrontare è un viaggio, bellissimo ma faticoso.

Continua a seguirmi, se ti va, e se hai domande o temi che vorresti approfondire, scrivimelo qui sotto!