eventi, famiglia

Merende e spettacoli a teatro…

In attesa del magico Natale, vi propongo qualche appuntamento a teatro, e non solo, per le famiglie e per bambini.

CineMerenda
CineMerenda
Teatro e Tempo Famiglia
Teatro e Tempo Famiglia
Teatro e Tempo Famiglie
Teatro e Tempo Famiglie
Teatro in Famiglia
Teatro in Famiglia

Buon divertimento!

libri

La Milano dei libri #BookCity

Torna anche quest’anno BOOKCITY MILANO, in programma dal 13 al 16 novembre, un progetto dedicato al libro e alla lettura, che prevede tre giorni (più un quarto riservato alle scuole, il 13 novembre, con oltre 100 eventi per studenti di scuole e università) durante i quali verranno promossi incontri, presentazioni, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, spettacoli, seminari sulle nuove pratiche di lettura, a partire da libri antichi, nuovi e nuovissimi, come evento individuale, ma anche collettivo.
Quella che sta per iniziare sarà una nuova edizione che vedrà protagoniste le scuole con oltre 170 progetti attivi sull’area metropolitana; novità di quest’anno sarà il conferimento di Sigillo della Città a un grande autore della letteratura contemporanea  e quest’anno sarà David Grossman, a significare la grande attenzione di questo evento ai temi più sensibili dell’attualità e per sottolineare il contributo fondamentale della letteratura al dibattito sociale e politico e, dunque, alla storia.

Grossman è autore di romanzi, saggi e articoli pubblicati sulle maggiori testate internazionali. Nelle sue opere ha affrontato le varie sfaccettature dei sentimenti umani e tematiche politiche e sociali. È noto il suo impegno a favore del processo di pace in Medio Oriente.

BOOKCITY coinvolgerà anche l’intera filiera: editori grandi e piccoli, librai, bibliotecari, autori, agenti letterari, traduttori, grafici, illustratori, blogger, fino a lettori, scuole di scrittura, associazioni e gruppi di lettura, il mondo delle scuole e dell’università.

Credits by http://www.bookcitymilano.it

Anche quest’anno il Castello Sforzesco è il cuore pulsante di BOOKCITY con incontri, letture ad alta voce e animazioni. Gli allestimenti della nuova edizione vogliono rendere il più coinvolgente possibile il mondo della lettura e l’universo delle parole, per attrarre nuovi lettori e avvicinarli al mondo del libro.

Tra le attività in programma: #zanzaunlibro – per offrire libri alle biblioteche di San Vittore, o “La pesca dei libri”, uno dei molti giochi aperti a grandi e piccini!

Potete scaricare il programma completo QUI: vi consiglio di stamparlo e tenerlo nella vostra borsa, per non perdere nessuno dei tantissimi eventi e incontri con i più attuali scrittori, nazionali ed internazionali.

Gli appuntamenti di BOOKCITY MILANO sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, salvo dove diversamente indicato.

BIBLIOBUS al Castello Sforzesco

sito: http://www.bookcitymilano.it | twitter: @BOOKCITYMILANO – #BCM14

facebook: BookCity Milano | Instagram: bookcitymilano

idee

Liberi libri: editoria per l’infanzia

Non dobbiamo leggere per dimenticare noi stessi e la nostra vita quotidiana, ma al contrario, per impossessarci nuovamente, con mano ferma, con maggiore consapevolezza e maturità, della nostra vita.

Hermann Hesse

La scuola primaria di mio figlio Riccardo ha aderito al progetto “Liberi Libri”, un festival itinerante dell’editoria per l’infanzia, una iniziativa non solo didattica ma anche con finalità di raccolta fondi, in quanto il 25% dell’incasso sarà devoluto alla scuola, per l’acquisto di libri per la biblioteca scolastica e per le letture con laboratorio.

Sono quindi passata a scuola per vedere di cosa si trattava ed è stato come entrare in una stanza magica, piena di mille mila libri colorati, dai titoli accattivanti: libri divisi per fasce d’età e anche per tematiche.

Non sapevo davvero cosa scegliere, così mi sono affidata alla signora che offriva consigli a genitori e alunni. Una persona fantastica che sapeva raccontare la magia di ogni libro, tanto che sarei rimasta ore ad ascoltarla.

Alla fine, questo è il nostro “bottino” ed io sono contenta perché credo che regalare libri sia una delle cose più belle che esistano.

Nella nostra biblioteca
Nella nostra biblioteca

manuale antipirati

I pirati per i mari vanno sempre all’arrembaggio per rubare spezie e oro alle navi di passaggio… Hanno facce spaventose, bende agli occhi, cicatrici, dei tatuaggi sulla pelle e degli uncini appuntiti.

Loro solcano le onde con bandiere svolazzanti, ma confondono le rotte senza la mappa davanti. Oltre questo c’è da dire che son molto dispettosi, ma con tre o quattro trucchetti… sono meno minacciosi!

Età di lettura: da 5 anni.

Voglio la luce accesa!

Questa è la storia di una Principessina che vuole la luce accesa quando va a fare la nanna perché ha paura dei fantasmi che appaiono nel buio.

Tutti la rassicurano dicendole che i fantasmi non esistono, ma allora cosa si nasconde sotto il suo letto?

Età di lettura: da 5 anni.

non buttarmi via

Una storia semplice ma ardimentosa, di una giornata di un foglio di giornale.

Ma potrebbe essere la storia di una busta di plastica, di una bottiglia di vetro, di un’idea o di una passione.

Bilingue: italiano e inglese.

La prima volta che sono nata

Questo libro lo consiglio a tutte le mamme che hanno avuto una figlia. Non vi racconto nulla.

Mi ha emozionato così tanto che mi sono commossa mentre lo sfogliavo.

Essere mamma, essere figlia.

Età di lettura: da 4 anni.

Wedding

Perché tu sei originale al 100%!

Mia figlia Ludovica è ancora piccola ma spesso mi ritrovo a pensare a come sarà fra qualche anno, da adolescente. E me lo chiedo spesso perché vorrei che per lei fosse un momento magico, di scoperta, di voglia di accettare il cambiamento, certamente diverso da come l’ho vissuto io.

Ci sono momenti in cui già ora si atteggia da piccola donnina, come quando reclama che non le metto lo smaltino sulle unghie o non le presto i miei trucchi!

Me la immagino, quando arriverà quella fase, quel cambiamento che inizierà al momento giusto per il suo corpo.

La pubertà. Cosa vi viene in mente di quel periodo? Vi ricordate i cambiamenti del vostro corpo?

Per quanto mi riguarda, ricordo ben poco. Ma razionalizzando il tutto, credo di non essermi interessata molto al cambiamento che stavo vivendo, temo per paura. Se mi rivedo, ho un’immagine di me passiva, quasi indifferente al passaggio, forse addirittura troppo consapevole del non poter fare nulla per fermarlo…

Quando avevo dubbi o domande sul mio corpo o su situazioni che sentivo raccontare dalle mie amiche, andavo da mia mamma, e le chiedevo di aiutarmi e farmi capire meglio cosa voleva dire quella cosa. E ricordo che lei era sempre disponibile ad ascoltarmi e a tranquillizzarmi. Ammetto che a volte era difficile affrontare certi argomenti, mi vergognavo ed era proprio in quei frangenti che avrei tanto voluto avere una sorella maggiore!

La cosa che è stata sicuramente sconvolgente, anche per molte mie amiche, è stato il seno. Panico. #eccheè? così, puff, tuttoduntratto. Per me poi, che ero sempre stata una scricciolina, magrissima, piattissima. uff, che difficile. E poi correvo. Avete idea del fastidio? e la ricerca del reggiseno giusto, quello che appiattiva tutto, inutilmente?

L’altra cosa che ricordo in modo negativo è la prima mestruazione, perché non arrivava. Avevo 13 anni e ancora nulla. E se avessi tardato ancora, mi sarei dovuta fermare e non correre per un po’. Lo confesso: ho pregato tantissimo, perché per me era più importante correre che diventare “signorina”. Che poi, che definizione è? Parliamone.

Quando ho chiesto alle mie amiche cosa ricordavano della loro pubertà, è emerso proprio questo: molto spesso diventare signorina coincideva con una “annunciazione pubblica” da parte di mammà, che raccontava l’evento a parenti e conoscenti.

Ecco, sono certa che questa cosa eviterò proprio di farla, per rispetto di mia figlia e della sua intimità.

Per tutto il resto, spero che lei avrà voglia di confidarsi con me, e non solo con le sue amiche, e spero di essere capace di affrontare i vari argomenti con naturalezza, riportandole anche la mia esperienza.

Di certo, mi affiderò a questo libricino, che trovo molto completo, chiaro e semplice da capire, con una grafica accattivante adatta al target adolescenziale.

Girl to Girl
“A tu per tu con te stessa e il tuo corpo che cambia”

Scorrendo il sommario, ho subito notato che vengono affrontati i punti salienti della crescita: della pubertà alla fase adolescenziale, soffermandosi sui vari cambiamenti fisici ed emotivi che si subiscono.

  • i principi base del corpo e come prendersi cura di esso;
  • i cambiamenti del corpo: seno e ciclo mestruale;
  • come imparare le buone e sane abitudini
  • come affrontare gli aspetti emotivi del cambiamento.

Sommario

Ci sono parti molto carine, con i consigli utili, le ricette fai da te per cure di bellezza, le lettere di ragazze con domande all’autrice, e tanti spunti per noi mamme, con suggerimenti e soluzioni.

P1050764

L’autrice si sofferma anche su un punto molto delicato: essere responsabile del proprio corpo, e proteggerlo da chi non ha il diritto di toccarlo.

P1050765

Ma la cosa che più mi è piaciuta è il messaggio positivo che ne esce: questo cambiamento va vissuto come un percorso unico, perché ognuna di noi ha i suoi tempi e questo cambiamento ti renderà una Donna unica ed originale. Quindi niente confronti e momenti di sconforto se le amiche hanno già vissuto alcune cose. L’importanza è accettarsi e capire quanto si è meravigliose.

Ed è proprio questo che spero di riuscire a trasmettere alla mia Luvi!

Buona lettura!

Girl to girl. A tu per tu con te stessa e il tuo corpo che cambia di Sarah O’Leary Burningham,ed. Giunti junior, ISBN 978-88-09-79484-9