decor, Wedding

E scintille siano!

Avete presente quelle candeline fantastiche che quando le accendi fanno le scintille a forma di stellina?

Quando ero piccola piccola, era l’unico “fuoco d’artificio” che avevo il coraggio di accendere (e comunque mi veniva una certa agitazione!).

Adesso le ho riscoperte in un’altra versione, che vi propongo grazie al sito Savvy Deets Bridal.

Candeline

candeline
tunnel

uscita

Io le trovo davvero originali e divertenti. E come sempre, i vostri invitati, anche i più piccoli, apprezzeranno l’idea!

Cosa ne pensate? Vi piacciono?

running

La Maratona arriva a teatro…

“Maratona di New York ha corso più di me, viaggiato più di me, fatto più carriera di me. E ho la sensazione che vivrà molto più di me. Una sensazione che si conferma ad ogni versione che mi capita di vedere. Se poi ne vedo una come quella di Giammarini-Lupano, la sensazione diventa certezza. Lo spettacolo non tradisce il testo originale, ma lo rilegge, lo re-inventa, lo inserisce in una dimensione drammatica nuova. La regia è modernissima, magistrale: passa indenne dai momenti comici, senza sottolinearli e senza averne paura, e arriva diretta al cuore del dramma fondendo incubo e realtà in una sola dimensione, un’unica grande notte stellata. Notte che gli attori attraversano con una spontaneità che conquista e un’intensità che commuove. Difficile per il pubblico non ridere e non avere i brividi. La prova atletica sul palco è notevole, Lupano e Giammarini non si risparmiano, si partecipa alla loro fatica. La loro corsa è un gesto iperreale e tuttavia compone un disegno preciso, espressivo, rigoroso. Che ipnotizza e coinvolge, lasciandoti alla fine un grumo d’amore e di dolore da portare a casa, da elaborare con calma. Insomma,questa Maratona è un grande piccolo spettacolo che merita di restare nei cartelloni dei teatri per molti anni.”
Edoardo Erba

Maratona di New York vi aspetta al Teatro Leonardo da Vinci a Milano, dal 31 ottobre al 9 novembre.

sposa, Wedding

*Sotto il vestito…*

Colorate. Originali. Che nascondono un messaggio.

E’ la nuova tendenza delle Bride Shoes.

Chi l’ha detto che sotto il vestito ci siano le classiche scarpe eleganti, che richiamano i dettagli dell’abito?

Se volete stupire, e perché no, anche essere comode, vi propongo qualche alternativa.

Colored. Original. They can also hide a message. This is the new trend for the Bride Shoes.

Who said that under the dress we must wear the classic Bride Dress shoes, as a detail of it?

If you want to impress, and why not, be comfortable, I suggest some funny alternative.

Colorate / Coloured Bride Shoes

Coloured Bride Shoes

Scritte / Written Bride Shoes

Le scarpe possono diventare “portatrici” di un messaggio d’amore, o semplicemente reminder della data..

Bride shoes can become “carriers” of a message of love, or simply remind a date…

Written Bride Shoes

Sportive / Sneakers

E se volete davvero “lasciare a bocca aperta” e regalare un sorriso, buttatevi sulle Sneakers Bride Shoes!

And if you really want to impress your guests and give them a smile, put your Sneakers Bride Shoes!

Sneakers Bride Shoes

Ecco, queste sono in assoluto le mie preferite, perfette per i prossimi “sì” invernali!

These are by far my favorite, perfect fot the next wintry “I Do”!

Hug Bride Shoes{credits by Designer Desirable}

Wedding

Come realizzare un perfetto “Social Wedding”!

Diciamoci la verità.

Avete organizzato tutto alla perfezione, i dettagli sono il vostro forte e siete sicuri che il vostro Matrimonio sarà un’ovazione di facce sorprese e stupite.

Ma.

Voglio stuzzicarvi e quindi vi chiedo: quando un matrimonio viene giudicato bello?

Secondo me quando gli invitati si divertono e si sentono parte attiva del matrimonio, dall’organizzazione al post evento.

Per questo motivo, stanno dilagando i cosiddetti “Social Wedding”, realizzati sfruttando tutto quello che la tecnologia 2.0 ha da offrirci. Ne è stato un esempio il recente VIP Wedding Rodriguez-De Martino… di cui vado a postare foto (tratte dal profilo Facebook di Belen) come esempio di quello che intendo.

Per prima cosa, iniziate dalla realizzazione di un sito oppure, se non intendete acquistare un dominio, da un blog: annunciate il vostro Weeding Day e diffondetelo ai vostri parenti ed amici. Invitateli a commentare ogni passo della vostra organizzazione e, perché no, a suggerirvi qualche idea.

Ad esempio, Il nostro Matrimonio è un portale che vi permette di realizzare il sito/blog, vedere una demo dimostrativa e iniziare subito a raccontare i vostri preparativi.

Attenzione però, non rivelate proprio tutto, altrimenti l’effetto sorpresa sarà vano. Lasciate degli “indizi”, postate foto così da incuriosire i vostri lettori/invitati.

rose

Location

Sarà il vostro Diario, che resterà anche dopo quel giorno speciale, un po’ come quello di Stefania e Marcello che ho trovato on line, così potete farvi un’idea di come potrebbe essere.

Inviti

Ritengo siano estremamente raffinate le partecipazioni cartacee e consegnate a mano (o spedite) almeno alle persone che ci sono più care. Ma se avete amici digitali, perché non pensate a qualcosa da inviare via e-mail?

Annuncio Matrimonio

645386_Belen-invito-matrimonio1

Lista Nozze 

Se pensate di scegliere una lista nozze, ci sono tante catene di casalinghi, come ad esempio La Rinascente e Kasanova, che vi permettono di mettere on line i vostri “desideri”, così che i vostri Invitati possano addirittura acquistare on line.

Ancora meglio, se la vostra lista nozze sarà il vostro viaggio di nozze: invitate i vostri ospiti a regalarvi un pezzetto di quello che sarà il vostro viaggio da sogno.

Alla fine, magari non riuscirete a coprire tutto l’itinerario, ma vi ritroverete a “risparmiare” parecchio!

Il grande giorno

E’ arrivato.

Tutto sta andando alla perfezione. Fatevi fotografare e invitate i vostri amici a twittare e instagrammare il vostro WDay!

[Permettetemi un consiglio, a voi invitati: prima di postare sulle vostre bacheche Facebook tutte le foto degli sposi, siate certi che i novelli sposi gradiscano!]

http://www.etsy.com/listing/155444201/wedding-twitter-sign-digital-file-or
http://www.etsy.com/listing/155444201/wedding-twitter-sign-digital-file-or
http://apaperproposal.com/2011-12-14/Picks_on_Paper-High_Tech_Weddings
http://apaperproposal.com/2011-12-14/Picks_on_Paper-High_Tech_Weddings

http://www.projectwedding.com/photos/310003/809865

http://www.projectwedding.com/photos/310003/809865

Il post evento

Potete raccogliere tutti gli scatti di amici e parenti in una Wedding Board, utilizzando Pinterest. Sarà un modo per scoprire attimi di quel giorno che magari vi sono passati inosservati, perché eravate ovviamente protagonisti e concentrati a vivere intensamente la vostra festa.

http://www.pubblicodelirio.it/wp-content/uploads/2013/09/belen-stefano-matrimonio-instagram.png
http://www.pubblicodelirio.it/wp-content/uploads/2013/09/belen-stefano-matrimonio-instagram.png
Belen e Stefano
Wedding

*Book del mese*

Lottie è stufa di avere lunghe relazioni con fidanzati che sul più bello non se la sentono di impegnarsi davvero con lei. Vuole assolutamente sposarsi. Così, dopo l’ennesima delusione, decide su due piedi che è ora di passare all’azione e accetta di convolare a nozze con Ben, un flirt estivo conosciuto per caso su un’isola greca molti anni prima e mai più rivisto. Ben si è appena rifatto vivo e basta una cena per fare riscoccare la scintilla tra i due: perché perdere tempo in inutili preparativi? Presto, ci si sposa in quattro e quattr’otto e via per un’indimenticabile luna di miele nell’isola greca che ha visto nascere il loro amore. Ma non tutti la pensano come loro: Fliss, la sorella di Lottie, e Lorcan, il socio in affari di Ben, sono contrarissimi e preoccupatissimi. Bisogna intervenire subito! I due sabotatori partono all’inseguimento dei neosposi, che vanno fermati a tutti i costi. Le conseguenze saranno per tutti disastrosamente comiche.

L’autrice:

SOPHIE KINSELLA, prima di diventare una scrittrice di successo, era una giornalista economica. Per Mondadori ha pubblicato I love shopping, che è diventato in breve tempo un bestseller sia in Italia che all’estero, I love shopping a New York, I love shopping in bianco, Sai tenere un segreto?, I love shopping con mia sorella, La regina della casa, I love shopping per il baby, Ti ricordi di me?, La ragazza fantasma, I love mini shopping e Ho il tuo numero. Vive a Londra con il marito e cinque figli.

[Mondadori Editore – Pagine: 384 – Prezzo: 20,00 euro]

Beh, lo ammetto. Li ho letti tutti. Quando desidero qualcosa di leggero, cerco lei, perché mi piace sorridere ed immedesimarmi nei suoi stravaganti colpi di scena, che mi regalano simpatici momenti di ilarità.

Non posso dire che questo suo ultimo romanzo sia il mio preferito. Forse è proprio il tema del matrimonio che mi ha reso più attenta alla trama e più critica.

Il romanzo inizia con un consiglio: “Non tornate indietro, dico sempre. Non tornate indietro…” e direi che la trama ne dimostra il perché.

La protagonista, colta da una lussuria adolescenziale, si lascia travolgere dagli eventi, finché decide di prendere in mano, definitivamente, la sua vita sentimentale, invertendo i classici fattori di qualsiasi storia d’amore: prima sesso, poi amore e matrimonio. No, nel suo caso è sempre “niente matrimonio”. Quindi, quando le si presenta davanti il suo primo amore, decide che questa volta i fattori seguiranno l’ordine opposto: amore, matrimonio e sesso. Tanto sesso. Che però non si consumerà.

Mi è piaciuto l’alternarsi dei punti di vista delle due sorelle, Lottie e Fliss (vabbeh, sorvoliamo sui nomi!!). Avrei anche gradito i punti di vista delle parti maschili, almeno i due principali.

Mi è piaciuta la serie di imprevisti escogitati per rovinare la prima notte di miele dei novelli sposi. Ma in diversi punti, l’ho trovato scontato e banale.

Direi perfetta l’ambientazione ad Ikonos, e la bellissima Grecia da sfondo, con i suoi colori e i suoi indimenticabili tramonti (per chi ci è stato, è facile ritrovarsi in un déjà vu).

Mi sono trascritta questo semplice mantra: “puoi imparare da qualsiasi cosa”, perché alla fine è questo che mi ha lasciato la Kinsella. A volte, ci ostiniamo a voler far funzionare le cose, vorremmo che tutto fosse perfetto, da manuale. Ma la vita non è così. Si può essere felici con o senza amore. E non sempre è facile e scontato rimettere insieme i cocci del cuore.

Ma vi prego, se è Amore che sia anche Matrimonio. Altrimenti che love story sarebbe?

Lascio a voi la parola.

L’avete letto? Cosa ne pensate?

Plot:

Lottie is tired of long-term boyfriends who don’t want to commit to marriage. When her old boyfriend Ben reappears and reminds her of their pact to get married if they were both still single at thirty, she jumps at the chance. There will be no dates and no engagement—just a straight wedding march to the altar!  Next comes the honeymoon on the Greek island where they first met. But not everyone is thrilled with Lottie and Ben’s rushed marriage, and family and friends are determined to intervene…

Author :

SOPHIE KINSELLA

Well, I admit. I read them all. When I want to read something light, I need Kinsella, because I like to smile when I read his extravagant twists, that give me nice moments of hilarity.

I can not say her latest novel is my favorite. Perhaps it is the theme of the wedding that made me more attentive and critical to the plot.

The novel begins with an advice: “Do not go back, I always say. Did not go back …” and I would say that the plot will demonstrate it.
Lottie, caught by a teenage lust, is carried away by events, until she finally decides to take matters in hand, her love, her life, reversing the classic factors of any love story: before sex, then love and marriage. But, in her case is always “no marriage”. So, when her first love comes to her, she decides that this time the factors will follow the order: love, marriage and sex. Lots of sex. Sex that won’t be consumed.
I loved the alternating points of view of the two sisters, Lottie and Fliss. I would also like the mens’ point of view.

I liked the series of unexpected devised to ruin the first honey moon’s night. But in several points, I found them obvious and banal.
I find perfect the setting in Ikonos, the beautiful Greece, with its colors and its unforgettable sunsets (if you were there, it is easy to find yourself in a déjà vu) ..

I transcribed this simple mantra, “You can learn from anything,” because in the end, this is what Kinsella left to me. Sometimes, we persist in wanting to make things work, we would like everything to be perfect. But life is not this. You can be happy with or without love. It is not always easy and obvious pick up the pieces of the heart.
But please, if it is Love that is also be Marriage. Otherwise, what kind of love story would be?

Please leave your comments.

Did you read it? What do you think?