emozioni, fotografia, matrimonio

*Alla ricerca del… Tableau!*

Dopo la cerimonia nuziale e appena si raggiunge la location, la prima cosa che cattura i nostri invitati è la ricerca del tableau, per scoprire a quale tavolo si è stati assegnati.
Questo post è dedicato alla presentazione di alcuni modelli, qualcosa di un po’ diverso e stravagante dal classico tableau.
TABLEAU con CORNICE
Con una cornice in stile shabby chic, potete creare un tableau semplice ma molto elegante!


Se invece desiderate qualcosa di più “rustico” e per veri intenditori e sommelier, ecco un’idea con i tappi di sughero:

TABLEAU con MOLLETTE
Per realizzarli, serve un semplice spago e le classiche mollette per stendere, che potete colorare a vostro piacimento:

TABLEAU con GHIRLANDE

La caratteristica di questi tableau è il loro formato verticale, e sono molto adatti per gli spazi all’aperto!
Molto eleganti sono quelli realizzati con un nastro di raso:

 

Per un vero tocco di romanticismo, potete ritagliare dei cuori da fogli di giornale e dall’altro lato mettere i nomi degli invitati e dei tavoli, foto o immagini colorate:


Oppure, tra un nominativo e l’altro, creare una ghirlanda con bolle di vetro e frasi d’amore…


TABLEAU con materiali di recupero

A volte basta davvero poco per “recuperare” materiali che abbiamo dimenticato in soffitta o in cantina, come una vecchia valigia della nonna:
Avete delle vecchie finestre da restaurare? Perché non trasformarle in un simpatico Table Plan?
Oppure riutilizzando dei centrini lavorati, come questi, per un effetto “antico”:

credits by ruffledblog.com
Questi invece sono un po’ più complicati da realizzare. 
Richiedono un impegno nell’ideazione e nella preparazione, però sono molto gettonati e suscitano molto entusiasmo.
Il tableau fatto con le chiavi, perché “l’Amore è la chiave principale che apre le porte della Felicità”… 
Mentre questo è fatto con le foto dei vostri invitati. Potrete chiederle direttamente a loro, quando gli porterete le partecipazioni, oppure sorprenderli con delle foto fatte da voi e che ritraggono istanti vissuti insieme. Per i legami davvero forti di parentela ed amicizia:

Ad ogni modo, qualunque sia la scelta del tipo di tableau, divertitevi a crearlo: sarà un modo per mettere ancora più in evidenza il tema del vostro Wedding e vi darà la possibilità di dare libero sfogo alla vostra creatività. 

Solo un’accortezza: ricordatevi di mettere allo stesso tavolo persone “compatibili”, sempre nel rispetto dei vostri invitati e soprattutto per assicurarvi una splendida giornata, senza spiacevoli “imprevisti”!!!
Purtroppo, in alcuni casi, esiste ancora il detto “parenti, serpenti”… 

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”//platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);

handmade, idee, Wedding

*Inviti fai-da-te*

Oggi vorrei segnalarvi qualche sito per creare e personalizzare gli inviti! Un modo per risparmiare qualcosina e anche per aggiungere il vostro “tocco di stile” a questa parte importante e basilare dell’organizzazione di  qualsiasi evento.
Il servizio migliore per creare inviti gratuitamente online è il sito Paperlesspost.com che non solo vi permette di creare stupendi biglietti per inviti di compleanno, ma è utile anche in altre occasioni come feste, matrimoni o altri eventi importanti. Basta fare una breve registrazione gratuita, confermare l’iscrizione e potrete iniziare a sbizzarrirvi con la vostra fantasia!
Appena accedete al sito potrete vedere in alto un menù a tendina, con varie tipologie di biglietti di invito (o di auguri anche): scegliete il modello che più vi piace e procedete con la modifica. E’ davvero molto semplice ed intuitivo!


Per modificare il testo già presente, cliccateci sopra: potete cambiare il font, il colore usato per i caratteri, la dimensione, la posizione del testo e la formattazione (grassetto, corsivo o sottolineato).
Potrete anche cliccare il tasto additional che si trova a sinistra, sopra il vostro invito, e modificare l’invito inserendo un logo, oppure cambiare tipo di carta, modificare lo sfondo: anche con il logo potrete fare delle modifiche al colore, alla posizione e alla dimensione.

Questo servizio inoltre include una busta da lettere, sempre modificabile, che conterrà il vostro invito. Dopo aver fatto tutte le variazioni che vi permetteranno di creare l’invito da voi desiderato, dovrete andare allo step successivo dove ci saranno alcune cose da impostare [ad esempio il tipo e il titolo dell’evento, la data e l’email da visualizzare sull’invito ed alcune preferenze riguardo la lista degli invitati]. A questo punto salvate il vostro progetto e cliccate su next: vedrete l’anteprima della busta e del vostro invito e nella terza schermata invece dovrete inserire tutte le email che dovranno ricevere il vostro invito oppure potete scegliere di condividerlo sui social network che usate.

Vedrete che tutti i vostri amici e parenti rimarranno felicemente sorpresi, dato che ogni biglietto verrà visualizzato con una simpatica animazione: potrete anche monitorare le risposte ricevute per sapere chi parteciperà o meno al vostro party!
Questi che vi segnalo, invece, sono siti che prevedono un servizio di download a pagamento, ma dateci un’occhio: i prezzi sono davvero irrisori.
Il primo sito è Design Betty, davvero molto carino.
Se amate i classici biglietti cartacei, da consegnare a mano, questo sito è utilissimo. Permette di creare, modificare e stampare inviti e partecipazioni di matrimonio (ma anche altri tipi di evento come Compleanni, Party e Feste di Laurea).

Un altro sito che adoro e che seguo quasi quotidianamente è TheWeddingChicks.com: andate nella sezione “Free Printables” e troverete tante idee: inviti (anche con la possibilità di personalizzarli con le iniziali dei vostri nomi), save the date, cartelli, ghirlande e disegni per personalizzare ogni istante.

Non perdete anche la sezione “DIY Projects“, molto utile e geniale.


Molto simile a TheWeddingChicks è Whinsical Prints: qui potrete anche realizzare e stampare dettagli per i tavoli. 

Insomma sbizzarritevi e create i vostri inviti homemade! 
emozioni, eventi, fotografia

*Gli scatti di Ivonne*

Si chiama Ivonne ed è una  fotografa specializzata in ritratti di neonati, bambini, mamme in dolce attesa, compleanni con smash cake, battesimi e cerimonie. Ed è anche Mamma!
Oggi voglio dedicarle un post, perché ogni volta che guardo il suo sito e ammiro i suoi scatti, sorrido e mi commuovo!
Adoro soprattutto gli scatti che dedica alla sua splendida Ginevra, come questi:

Ginevra è molto fortunata: avrà un album foto ricordo davvero unico!!
Quindi se volete immortalare la vostra maternità, i vostri pupi e gli eventi dedicati a loro, contattatela.
Sono certa che saprà regalarvi una miriade di infinite emozioni!

Ecco alcuni dei suoi scatti:

Battesimi

Bambini
Wedding

Smash Cake 
“Le fotografie possono raggiungere l’eternità attraverso il momento”
{Henri Cartier-Bresson}

emozioni, famiglia, giochi

*Tra gnomi e fate… nel bosco incantato*


Siamo arrivati al Giocabosco una soleggiata e calda domenica settembrina, dedicata alla famiglia.
Ad accoglierci, una splendida fatina che indicava ai miei Stellini dove entrare per iniziare a vivere questa avventura.
Già all’ingresso siamo catturati da questo bosco verde che ci circonda e dai tantissimi giochi pronti ad accogliere i bambini: le macchine di legno, le altalene, il labirinto, il recinto con i conigli e le galline…
Curiosi, leggiamo subito il programma della giornata:
Siamo impazienti! Finalmente alle 11.00 seguiamo le fatine e ci addentriamo nel bosco… 
Fata Margherita ci fornisce alcune indicazioni per vivere al meglio questa giornata, in quanto i bambini sono gli unici protagonisti, i genitori sono solo accompagnatori e in quanto tali devono ascoltare in silenzio e adeguarsi ai tempi dei piccoli senza disturbare o ostacolare lo svolgimento delle attività.
I piccoli si trasformano in gnomi e si parte!

Le fate iniziano a raccontare la storia, spiegando le regole del Bosco e delle prove che i bimbi dovranno affrontare per sconfiggere i terribili e puzzolenti TROLLS e diventare i Custodi del Bosco.
Ovviamente occorre recitare la formula magica delle Fate per trasformare i Trolls in pietra:

I piccoli gnomi sono attenti e catturati dalle parole delle Fate (e anche noi genitori!)…

E’ davvero un bosco magico, mi sono divertita a fotografare le casette delle Fatine sugli alberi…

Raggiungiamo il tendone, dove le Fate spiegano i significati delle 4 chiavi che verranno custoditi da 4 gnomi scelti dalle Fate stesse e dopo avere superato diverse prove, le chiavi andranno portate all’Albero delle Regole. 

Il mio Riccardo è stato scelto come Custode della Chiave Verde. Non vi dico quanto mi sono emozionata nel vederlo così sorpreso di questa scelta ed orgoglioso di essere il custode di una chiave, fra i tanti bambini presenti!


Arriva il momento del pranzo al sacco, e dopo aver mangiato, possiamo fare un giretto sul pony Corallo Nero. I miei stellini erano eccitatissimi!
Il pomeriggio è dedicato al TruccaGnomo e alle attività proposte dal Giocabosco. Noi abbiamo fatto delle palline con la lana cardata e dei simpaticissimi gnomi fatti con il rotolo della carta igienica e pezzi di stoffe, nastrini e materiale di recupero.
Alla fine, Fata Margherita ha chiamato tutti gli Gnomi per la consegna delle Medaglie di Custodi del Bosco!
Personalmente, è stata una piacevole esperienza che consiglio di vivere con bambini dai 4 anni in su, se volete davvero sfruttare al meglio le attività di questo parco.

Vi ricordo che per quest’anno, ottobre è l’ultimo mese di apertura di Giocabosco, non perdetevi quindi i prossimi eventi:
  • Sabato 13, Grande Raduno delle Fate e degli Gnomi 
  • Domenica 21, Festa prima del lungo letargo
  • Mercoledì sera 31, Festa di Halloween 

Per uteriori info – prenotazioni e programmi, potete diventare amici di Giocabosco sulla pagina FB, oppure visitare il sito www.giocabosco.it e tenervi aggiornati con il blog, dove potrete trovare tantissimi tutorial per realizzare divertentissimi lavoretti!
Per immergervi nell’atmosfera Giocabosco, guardate anche Pinterest!

amicizia, favola d'amore, matrimonio, Wedding

*C’era una volta…*

Lara e Marco
 7 ottobre 2000

Vi avevo già parlato di Lara, come testimone e damigella di un’altra favola d’amore, quella della mia Amica Giovanna.
Oggi è Lara, la protagonista della Favola d’Amore che vi presento.
Ero davvero curiosa di leggere il suo racconto. Perché lei è unica!
Ho avuto la fortuna di incontrarla lo scorso agosto, un mini raduno e.mo.zio.nanti.ssimo.
E tra poco sarà il suo DODICESIMO Anniversario di Nozze! Auguri cara!

Quando e come vi siete conosciuti e quando avete deciso di sposarvi? 
Noi ci siamo conosciuti all’asilo (abbiamo frequentato la stessa classe per tutta la scuola materna), ma io non mi ricordo molto bene di lui… Poi ci siamo persi di vista, per ritrovarci ormai ventenni a frequentare gli stessi locali… Dopo un mese che eravamo insieme abbiamo fissato la data (solo ipoteticamente perché era il 06 maggio del 2000).

I preparativi: ti sei fatta aiutare o hai gestito tutto da sola? 
Io sono stata la prima del gruppo di amici a sposarmi, per cui non avevo modo di “scopiazzare” le idee altrui e mi son fatta trascinare dall’istinto  facendo tutto a modo mio.

Hai avuto difficoltà nell’organizzazione? 
Difficoltà di tutti i tipi! Dalla madre della sposa quasi ricoverata due giorni prima delle nozze, alla fidanzata del mio testimone che lo molla la mattina delle nozze… diciamo che ci siamo divertiti a tener movimentata la situazione… ad ogni modo, nulla di insormontabile!

La scelta dell’abito: cosa ti ricordi di quel momento? 

Abbiamo girato due o tre atelier e non mi son provata nulla. Io sono diciamo “morbida” e mi sono sentita molto a disagio nei vari atelier, finché mi sono letteralmente buttata dentro ad un negozio di abiti da sposa e cerimonia sartoriale. 
Ne ho presi due per la prova, il primo mi piaceva un sacco, ma con il secondo è stato amore a prima vista!!! Alla prima prova dell’abito invece sono andata in crisi, non mi piaceva, non lo volevo più. 
Ho pianto e mi sentivo disperata. 
La settimana dopo son tornata ed è stato di nuovo amore. Credo fossero gli isterismi da futura sposa!

Quali fiori hai scelto e perché? 
Ci siamo sposati nella Cappelletta della nostra Parrocchia, molto piccola e molto colorata, per cui abbiamo scelto le rose avorio abbinate all’uva nera. 
Alla fine della cerimonia non era rimasto nemmeno un chicco d’uva!!

Arriva il giorno tanto atteso e… come ti senti? 
Sono felice, ho dormito bene, ho fatto colazione con le amiche e poi trucco e parrucco con la testimone. Tutto liscio insomma (tranne l’inconveniente testimone di cui sopra).

Cosa hai provato quando hai visto tuo marito? 

Era emozionatissimo, tutto rigido e… bellissimo!!!!

Come descriveresti la tua cerimonia di nozze? 
In chiesa è stato molto bello ed emozionante, l’amico-diacono che ha concelebrato la nostra cerimonia era “alla sua prima volta”, per cui agitatissimo. Il parroco era nostro amico da sempre. 

Credo sia stata la cerimonia più lunga della storia, per via dei tantissimi canti.
In quel periodo io facevo ACR (ndr Azione Cattolica Ragazzi) ed i bimbi hanno portato l’offertorio e poi, a sorpresa, mi hanno letto una lettera e mi hanno regalato dei fiori (emozionata io!)
All’offertorio abbiamo portato in dono delle rose per ringraziare le nostre famiglie che ci hanno accompagnato, poi allo scambio della pace, Marco ed io abbiamo portato le rose, ognuno alle rispettive mamme, per ringraziarle.

Mi sono molto emozionata e anche molto divertita!
Che location hai scelto per il ricevimento? 
Abbiamo scelto un normale ristorante (al tempo non era così facile trovare il catering per la villa), ma che avesse uno stile rustico con un bel giardino esterno per l’aperitivo… invece il tempo è stato tiranno ma, perlomeno, abbiamo utilizzato il rustico per le foto (tutte all’interno).

Che titolo daresti al tuo album di nozze? 
“Ma quanto abbiamo riso?”
C’è qualcosa che vorresti cambiare di quel giorno? 
Sicuramente il tempo (meteorologico)! Non siamo riusciti a fare nemmeno una foto all’esterno e per quella di gruppo ci siamo inventati una nuova prospettiva (grazie alla splendida fotografa).
Oggi, ripensando a quel giorno, vorresti ringraziare qualcuno in particolare? 
Innanzitutto la mia splendida amica-testimone che quel giorno è stata insostituibile. Dalla colazione del mattino fino alla notte, quando ci ha accompagnato all’aeroporto, nonostante fosse stanchissima. 
E la mia nonna che non ha mai mollato: se n’è andata a letto alle 3 di notte per non perdersi nulla.

Questa favola sarebbe stata perfetta su un bellissimo foglio di carta. Le foto, non ancora digitali, mi hanno fatto fare un tuffo nel “passato”, con quel profumo unico degli album classici.
La semplicità, a mio parere, è sempre lo stile perfetto di ogni Wedding.
Lara era splendida. Il suo sorriso. La luce dei suoi occhi.
Me la sono immaginata, quel giorno. 
Ti auguro di continuare il tuo cammino d’amore, ogni giorno è un “ricominciare” da dove eravamo rimasti. Passione, istinto e un pizzico di follia (che non ti manca). E tu sai perché.
Ti voglio bene,